fbpx
Seleziona una pagina
Tempo di lettura: 6 minuti

La Gestione delle giacenze


Nota dolente di ogni ecommerce che ha la sua controparte fisica ma non un gestionale di magazzino collegato con il sito web.
Dover dire ad un acquirente che non riceverà quello che ha acquistato è la peggior pubblicità che si possa avere. Immaginati il cliente che dopo aver cercato un prodotto e aver comparato vari siti ha infine scelto il tuo: come definiresti la sua esperienza di acquisto nel momento in cui gli dirai che purtroppo hai sbagliato a gestire le giacenze? Con una sola parola: pessima.

Oltre il danno, la beffa: ricevere ordini di prodotti che non si hanno a magazzino è qualificabile come una spesa viva, di tempo e soldi. Di soldi perchè rimborsare il cliente costa (paypal chiede 30cent per un rimborso, ad esempio). Di tempo perchè passeranno ore, se non giorni, prima che si riesca a capire se il prodotto è veramente disponibile o meno.

Ovviamente l’adozione di un gestionale di magazzino collegato con il sito web sarebbe la soluzione ottimale ma, qualora tu non possa, ci sono comunque dei sistemi per ridurre il numero dei rimborsi ad una soglia accettabile (ovvero 2\3 ogni 100 vendite)

1) Tieni il magazzino ordinato
2) Adotta un flusso di lavoro semplice e lineare.
3) Non segnarti mai le vendite in negozio in un foglio per “gestirle dopo”: spesso questo dopo non arriva mai
4) Effettua inventari parziali almeno una volta al mese ed un inventario totale almeno una volta l’anno
5) Segnati tutte le vendite che non hai a magazzino, in modo da capire quale parte del tuo inventario è più esposta a questi errori
6) Cerca grossisti o fornitori che possono aiutarti quando ti manca qualche prodotto venduto
7) Assicurati che tutto il personale conosca perfettamente come si toglie una giacenza dalla vendita online

La gestione dei resi

I resi sono una pratica normale quanto gli acquisti. Acquistare online significa acquistare un bene fisico tramite una spiegazione digitale: la mancanza della fisicità del prodotto fa si che alcune valutazioni debbano essere rimandate a quando si può veramente e realmente toccare l’acquisto con mano.

Per quanto non sia il massimo della vita, ricevere una richiesta di reso non deve essere visto come un problema ma come un opportunità. Il cliente che restituisce ha acquistato pur essendo dubbioso del prodotto: se le nostre condizioni di reso fossero state particolarmente sfavorevoli (ricordo che il reso è obbligatorio per legge entro 14giorni dalla data di ricezione del prodotto; aumentare i giorni o offrire la spedizione di reso gratuita sono a discrezione del venditore) l’acquirente non avrebbe acquistato e non avremmo avuto modo di fargli conoscere chi siamo, come lavoriamoe cosa proponiamo.

Quando si inizia a “giocare” con il commercio online, si accetta anche di ricevere delle richieste di reso. Gestirle male, controvoglia, o addirittura tentare di negare questo diritto all’acquirente significa lavorare contro i nostri stessi interessi. Le richieste di reso devono essere gestite cosi’ come sono gestite le vendite, con cortesia e professionalità.

Ma secondo la legge nche il venditore ha dei diritti: gli articoli devono essere restituiti in condizioni di vendibilità, ovvero non devono essere stati usati. Qualora lo fossero, il venditore può rifiutarsi di rimborsare l’acquisto.

Se hai troppe richieste di reso un modo giusto per ridurle è curare di più la scheda prodotto: chiedi ai clienti che restituiscono il motivo della loro decisione e cerca di indicare più specificamente i dettagli nelle descrizioni dei prodotti. Se ad esempio un pantalone viene reso spesso perchè veste stretto puoi indicarlo nella sua scheda.

 

LE FOTOGRAFIE

In base al prodotto che vendi le foto del prodotto avranno un peso più o meno importante: le fotografie sono il punto di collegamento tra l’utente e quello che realmente acquista e talvolta capire questo fa la differenza tra vendere e non vendere.

Se non sei un rivenditore che ha disponibilità delle immagini fornite dai brands, le fotografie saranno un impegno di tempo e di soldi rilevante per la tua attività: per non spendere più risorse di quelle che puoi permetterti, dovrai trovare il giusto compresso tra qualità e costo delle foto, così da fornire ai tuoi clienti ottimi strumenti per valutare i tuoi prodotti senza però intaccare le marginalità in modo drammatico.

Puoi risolvere in due modi: iniziando una collaborazione con un fotografo oppure acquistando un macchinario che ricrea un set per le foto. Sono due soluzioni diverse che si adattano a strategie e mercati diversi, la prima più professionale, ma più costosa. Piccolo suggerimento: impegna più risorse per le fotografie dei prodotti che rimarranno più a lungo a catalogo e  di quelli di cui hai più disponibilità.

E’ IMPORTANTE PERCHE’: Schede prodotto con foto di bassa qualità vendono meno
IL MIO CONSIGLIO: Valuta attentamente quante risorse destinare alle fotografie

IL MARKETING

La domanda è banale: perchè i tuoi clienti dovrebbero acquistare da te, se non sanno che esisti?

In maniera semplicistica si può dire che fare marketing significa far conoscere noi, la nostra storie e i nostri servizi dai clienti che ci interessano.

Attenzione però: il marketing non è un ingrediente magico che trasformerà il tuo progetto in una miniera d’oro. Impegnati principalmente a costruire un ecommerce di valore per i tuoi clienti; successivamente potrai (e dovrai) investire risorse per far sapere alle persone importanti per la tua azienda chi sei, cosa fai e perchè lo fai. 

Valuta quale canali utilizzare, quali strumenti scegliere e quanto budget investire dopo aver studiato la tua clientela: quali sono i loro desideri e quali sono i loro problemi? Dove si riuniscono solitamente? Cosa puoi fare loro? Nel momento in cui avrai la risposta a queste domande, saprai come fare marketing.

E’ IMPORTANTE PERCHE’: Non è possibile vendere se nessuno ci conosce
Il MIO CONSIGLIO: Ricordati che il marketing non è una spesa ma un investimento

LA STRATEGIA

La strategia, ovvero la direzione unica verso la quale dovrai dirigere i tuoi sforzi; elaborare una strategia non è niente altro se non pianificare la strada verso i tuoi obiettivi partendo da una situazione di partenza ben conosciuta.

Dovrai quindi analizzare la tua azienda, conoscerne punti di forza e punti di debolezza:  sfruttando i primi e lavorando sui secondi, riuscirai ad affrontare il viaggio verso il tuo obiettivo.

Ma fai ben attenzione: “vendere” non è un obiettivo, ma il mezzo con il quale raggiungerai i tuoi obiettivi, che dovranno essere numericamente concreti ed oggettivi. Valuta la tua azienda, il mercato nel quale sei inserito, i tuoi competitor, e stabilisci obiettivi di vendita a breve, medio e lungo termine. E’ il momento di elaborare il “compromesso consapevole” tra tutte le attività che compongono il tuo progetto di vendita online, dando priorità ad alcune rispetto ad altre.

Ma sopratutto, sii sincero e modesto. Guarda ad obiettivi che puoi concretamente e realmente raggiungere in base alle tue possibilità. 

E’ IMPORTANTE PERCHE’: Una strategia corretta fa funzionare tutto alla perfezione
IL MIO CONSIGLIO: Pianifica le tue mosse stabilendo obiettivi concreti e realistici

LA MOTIVAZIONE

Raramente preso in considerazione nonostante sia uno degli aspetti più importanti.

Vendere online è una attività complessa, eterogenea e, talvolta, frustrante:  i problemi da affrontare sono molteplici.
Se non si è consapevoli delle difficoltà che si andranno ad incontrare durante il percorso, la tentazione di lasciar perdere tutto capiterà spesso, con il  rischio di aver speso soldi e tempo per un pugno di mosche: dovrai affrontare tutte le difficoltà in maniera obiettiva e, per quanto possibile, distaccata.

Prima di iniziare, assicurati di essere pronto ad affrontare tutte le difficoltà della vendita online: se non lo sei pienamente iniziare significherà soltanto perdere tempo e denaro!

Assicurati di aver scelto obiettivi realistici, stima il giusto tempo per fare le cose, investi sempre in mezzi che ti possono alleggerire il lavoro; ed ancora, cura le relazioni con i clienti, con i fornitori e con i tuoi dipendenti, affronta con il sorriso le sconfitte e festeggia i successi. Sopratutto, prenditi i giusti periodi di ferie!

E’ IMPORTANTE PERCHE’: La mancanza di motivazione è dannosa su tutti i livelli
IL MIO CONSIGLIO: Non sottavalutare mai l’importanza della morale del tuo team di lavoro

Spero che questi miei consigli possano aiutarti nella gestione del tuo store online!  Per qualsiasi domanda puoi lasciarmi un commento qui sotto, oppure puoi scrivermi cliccando qui. Seguimi sulla mia pagina Facebook se ti interessa leggere altri articoli come questo!

Grazie per la lettura ed a sentirci presto!

Federico

Richiedi la tua consulenza gratuita!


Qualunque siano le tue necessità, possiamo parlarne insieme senza impegno.
Scrivimi subito per ricevere la tua consulenza gratuita!

6 concetti fondamentali alla base di ogni e-commerce

4 + 11 =